Leggila come non avevi mai fatto prima.

0
107

La scritta che vedete vuol dire tante cose, nonostante il significato sia abbastanza semplice. Se letta seguendo la grammatica catalana, con il “tx” che si legge come “c” dolce, e la l geminada “l•l” come una normale doppia “l” italiana, allora si legge il nome della città in italiano. Una semplice scritta che racchiude il segno in cui nasce il progetto ★BarnAut, ed il senso che abbiamo deciso di dargli.

Sicuramente, a molti verrà da chiedersi se sia davvero necessario un altro magazine in lingua italiana su Barcellona, visto che di prodotti ottimi là fuori ce ne sono già, e forse in pochi ne noteranno uno in più o uno in meno. Ci può stare. In effetti non è un’obiezione del tutto fuori dal mondo, e non ce la prendiamo se ce lo fate presente. Siamo però abbastanza sicuri, a rischio di peccare un po’ di superbia, che ci basterà un mese, forse due, per convincere anche voi di un paio di cose di cui siamo assolutamente certi.

La prima, come tentiamo di sottolineare con la scritta Bartxel•lona, è che la lingua e la cultura della comunità italiana di questa città sono ormai una sua parte integrante, di Barcellona e della Catalogna stessa, di cui siamo componenti minoritari, ma vivi e presenti nei suoi processi produttivi. La seconda, è che le città dell’epoca postmoderna sono veri e propri centri di produzione, dove nascono idee, s’inventano relazioni, si progettano nuovi modelli di convivenza e relazioni sociali. E se possiamo rivendicare il diritto di credere che tutto è mosso dalle contraddizioni, allora queste contraddizioni generano quei piccoli e grandi conflitti che muovono la città, la plasmano nella sua forma, e la fanno evolvere. La terza, che è conseguenza naturale della seconda, è che possiamo capire fino in fondo questa città solo leggendola in modo diverso. A partire dalle sue contraddizioni, e dai conflitti che la animano. ★BarnAut nasce per questo. Nasce autonomoantifascista, autogestito, antirazzista ed antisessista. Nasce per raccontare Barcellona nella terza lingua più parlata della Catalogna, e per farlo attraverso la sua meravigliosa contraddittorietà.

Tre cose piuttosto semplici, delle quali abbiamo fiducia di convincervi. Del resto, non dovrebbe essere difficile. Se ci pensate bene, da quando siete venuti a vivere qui, avete vissuto ogni sua strada come non avevate mai fatto prima. Avete parlato con la gente, con la gente di Barcellona, come non avevate mai fatto prima. Ci avete lavorato, ci avete studiato, ci avete bevuto sopra fino al mattino, per guardare la sua alba sul mare come non avevate mai fatto prima. Adesso provate a leggerla. Come non avevate mai fatto prima.

Benvenut* su ★BarnAut.