Podemos diviso tra fazioni: Iglesias destituisce il braccio destro di Errejón

0
53

Nella sede di Podemos a Madrid è prevista per questo pomeriggio una riunione della direzione regionale del partito morado.

La necessità dell’incontro nasce dalla dimissione in blocco di dieci consiglieri del consiglio cittadino autonomico di Madrid, tutti appartenenti all’area errejonista di Podemos, che lo scorso mercoledì hanno presentato le loro dimissioni in seguito ad uno scontro frontale con il segretario generale di Podemos della comunità di Madrid, Luis Alegre, fedele a Pablo Iglesias.

Iglesias destituisce il braccio destro di Errejón

In questo contesto non particolarmente sereno si inserisce un comunicato, pubblicato ieri intorno alla mezzanotte dalla direzione di Podemos, in cui si annuncia la destituzione di Sergio Pascual dal carico di segretario d’organizzazione, accusandolo di aver condotto una gestione deficitaria del suo dipartimento e di aver pregiudicato gravemente la formazione nel delicato momento dei negoziati per un investitura di governo.

Comunicato Podemos 15-03-2016L’allontanamento del numero tre di Podemos arriva dunque senza un vero e proprio casus belli : nonostante il leader giustifichi la sua decisione ricordando le dimissioni di Madrid della settimana scorsa ed imputando al segretario d’organizzazione un’assoluta mancanza di controllo sugli organi territoriali, sembra che gli attriti interni che dividono il partito fra “errejonisti” e “pablisti” vadano assumendo una sempre maggiore importanza.

Sergio Pascual viene infatti considerato il braccio destro di Íñigo Errejón e, per quanto mantenga il carico di deputato al congresso per Siviglia, dovrà cedere lo “scettro” di segretario d’organizzazione di Podemos al segretario generale, Pablo Iglesias; la guida del dipartimento che era nelle mani di Pascual passerà ad Iglesias soltanto temporaneamente, ma non bisogna dimenticare che il potere di scegliere un nuovo segretario di organizzazione continua ad essere del leader della formazione.

Errejonisti contro Pablisti: lotte intestine minacciano l’unità di Podemos

La decisione costituisce un ulteriore inasprimento delle frizioni fra il settore “errejonista” ed il settore “pablista” di Podemos.

Nella sessione di ieri pomeriggio al parlamento è stata evidente la freddezza fra il numero uno ed il numero due del movimento morado ed il leader ha reso pubblica una lettera diretta ai sui simpatizzanti nella quale già avvertiva che non avrebbe tollerato fazioni in Podemos ed annunciava che quelli che hanno commesso errori dovranno assumersi le loro responsabilità.

La decisione di Pablo Iglesias di destituire il suo numero tre, Sergio Pascual, gli permette di raddoppiare il potere che ha nel partito ed erodere allo stesso tempo l’influenza di Íñigo Errejón, contro il quale si affronta in una lotta intestina per imporre la sua egemonia a Podemos.

Pablo Iglesias aumenta il suo controllo su Podemos

L’allontanamento di Pascual implica che Iglesias si ritrova con una delle aree di peso maggiore, che ostentavano gli errejonisti, quella della segreteria d’organizzazione, e prende il controllo di un partito che resta ad un passo dalla frattura in un momento di massima difficoltà, quando cerca di riprendere le negoziazioni con il PSOE per raggiungere un accordo di governo.

Iglesias ha annunciato ieri ai suoi che fornirà ulteriori chiarimenti, sui motivi che lo hanno portato a prendere questa decisione, nella prossima riunione del consiglio cittadino statale, l’organo di direzione del partito. Questa riunione non ha ancora una data però, secondo gli statuti, non può essere procrastinata oltre il 3 di aprile, visto che l’ultima è stata celebrata il 3 di gennaio ed è stabilito che come minimo debba  essercene una per trimestre.