Gràcia protesta contro la riforma del mercato de l’Abaceria

0
29
Manifestació a la Vila de Gràcia contra la reforma del mercat de l'Abaceria, per les plataformes veinales

Neppure la pioggia battente abbassa la morale dei vicini di Gràcia, quartiere di Barcellona. Infatti, sabato scorso, piú di un centinaio di manifestanti hanno sfilato per le strade del quartiere, per reclamare una nuova riforma del mercato dell’Abaceria.

Il mercato centrale del quartiere infatti è l’ultimo di Barcellona che non è ancora stato ristrutturato.  Per i vicini puó essere l’inizio di una ondata speculativa e i rischi sono molti.  Si parla di un progetto da 25 milioni d’euro, con tre piani interrati, di cui un parking di 750mq con 50 posti macchina. Il “Movimento Popular de Gràcia” e “Gràcia cap a on vas?” ne sono i principali oppositori.

Considerano che si possa fare una riforma piú economica e senza parking. Infatti sono critici sul progetto per questioni economiche, ambientali e sociali. La prima preoccupazione è legata a possibili eventi di gentrificazione, come successo al Mercato di Sant’Antoni. Quest’ultimo, come Gràcia, sono quartieri che subiscono la speculazione immobiliaria legata alla breve distanza dal centro. Inoltre a Gràcia c’è già un evidente problema legato all’aumento dei prezzi di affitti e beni di consumo. Senza contare che ha perso il 20% dei giovani, e proprio nel quartiero si è visibilizzata Desokupa, la impresa di sgomberi illegali per privati.

Durante tutta la manifestazione si sono gridati slogan com “né Super né Parking, mercato per il quartiere” o “turist go home, refugees wellcome”, per sottolineare la solidarietà del movimento e l’opposizione alla gentrificazione. Con un ambiente combattivo, ma tranquillo, hanno sfilato nelle differenti piazze del quartiere per finire poi proprio davanti al mercato.

Di fronte al mercato, che coincide con l’antica porta del Banc Expropiat, centro sociale sgomberato a maggio dell’anno passato, hanno letto un manifesto per spiegare le ragioni della propria protesta. In conclusione hanno ricordato a tutti di stare attenti agli annunci delle prossime mobilizzazioni. Un nuovo fronte di lotta si apre nel quartiere, e sembra non volersi fermare facilmente.

Sui dettagli della protesta, i punti critici del progetto, pubblicheremo un approfondimento, sempre su Barnaut.

Qui alcune fotografie di Victor Serri, della manifestazione di sabato passato.