Il Governo della Generalitat Catalana pubblica i risultati elettorali del referendum de 1 d’ottobre

0
251
I risultati elettorali del referendum del 1 d'ottobre
Pochi minuti fa il governo della Generalitat ha pubblicato i risultati elettorali definitivi. Anche se il sembra un processo normale, secondo la legge di referendum, la cosa potrebbe determinare i prossimi passi verso una possibile Dichiarazione Unilaterale d’Indipendenza

Pochi minuti fa, il Govern de la Generalitat ha pubblicato i risultati definitivi del referendum del 1 d’octubre.

Guardando i dati risulta chiaro che la stragrande maggioranza, oltre al 90%, dei votanti al referendum vorrebbe che la catalogna sia “uno stato in forma di repubblica”.  Infatti sono poco piú di due milioni i votanti che hanno deciso di resistere alla repressione dello stato spagnolo e di esercere un diritto fondamentale, come quello di votare, e di votare, in qualche modo, per la propia autodeterminazione.

Analizzando i dati si vede anche come la maggior affluenza alle urne si è registrata nei territori della catalogna centrale. Però la percentuali piú alter si sono viste nei territori de l’art urgell e della zona de l’Ebro.Percentuali di affluenza molto bassa a Barcellona, zona fortemente colpita anche dalla repressione dello stato spagnolo.

Le imminenti conseguenze

Secondo la legge approvata in parlamento, entro 48h utili (sabato e festivi esclusi) il parlamento della catalogna dovrebbe votare la DUI (dichiarazione unilaterale d’indipendenza) in caso di vittoria del si. Quindi, nonostante la sospensione della sessione del parlamento di lunedí da parte del Tribunale Costituzionale, sarà martedí la giornata piú complessa della prossima settimana. Tra un 9 ottobre, Diada del pais Valencià, dove tutti i fascisti blavers escono, e un 12 ottobre, giornata nazionale dell’orgoglio spagnolo, potrebbe situarsi la dichiarazione d’indipendenza.

Si preannunciano giornate tese mentre il presidente della polizia catalana viene portato a dichiarare davanti al giudice de la Audiència Nacional a Madrid, con l’accusa di Sedizione (che lo potrebbe condannare a 15anni di prigione).